Sold out per “Ecce Homo – Anatomia di una condanna”: Corrado Augias a Morciano di Romagna indaga le ultime ore di vita di Gesù

Tutto pronto per “Ecce Homo – Anatomia di una condanna”, lo spettacolo teatrale di Corrado Augias in programma giovedì 21 febbraio alle 21.15 nell’auditorium della Fiera di Morciano di Romagna, in via XXV Luglio 121. Uno spettacolo che ha fatto registrare il ‘sold out’. Come in un romanzo storico avvincente, Augias – giornalista, scrittore e conduttore televisivo – spiega l’intrigo politico, gli interessi, le spinte sociali che determinarono la crocifissione di Gesù.

Sulle ultime ore di Gesù in genere si sa poco; ancora meno si conosce della situazione politica e militare della Palestina in quegli anni. Eppure si tratta di elementi fondamentali per meglio capire la tragica sorte di quel Giusto. Perché Gesù venne arrestato? Quali le accuse? Che cosa spinse il procuratore romano ad emettere una sentenza capitale? I vangeli (canonici e non) danno una spiegazione esauriente – e concorde – degli avvenimenti? O no? Perché si parla così poco di Maria, nulla si dice di Giuseppe? Chi era davvero Giuda? Perché tradì?

Se ci si cominciano a porre queste domande si vede subito che di una vicenda raccontata cento volte si sa in generale pochissimo; i lati oscuri e le domande inevase prevalgono nettamente sui fatti noti.

Lo spettacolo si avvale di immagini accompagnate da un dolente accompagnamento musicale per stimolare lo spettatore alla scoperta di un Gesù non “vittima di un gioco di potere” bensì pronto a mettere in gioco per le sue idee la sua stessa vita.

La scoperta, per certi versi stupefacente, è che un Gesù legato alla terra e al tempo, sostenitore di un messaggio rivoluzionario, rifulge di una luce più intensa del consueto, facendosi ancora più ffascinante e commovente.

Fondo per il Lavoro: giovedì 21 febbraio un incontro di approfondimento a Morciano

Grazie ad esso 146 persone in difficoltà economica hanno trovato un impiego in 83 aziende del riminese. E’ il ‘Fondo per il lavoro’, progetto promosso dalla Caritas Diocesana della Provincia di Rimini che si propone di agevolare l’inserimento lavorativo di persone in condizioni di fragilità (economica, sociale e familiare) e di incentivare le aziende all’assunzione tramite l’erogazione di incentivi economici. Per approfondire le tematiche legate al Fondo e alla sua diffusione a livello provinciale, la stessa Caritas ha organizzato un incontro pubblico che si terrà giovedì 21 febbraio alle 18.30 presso la sala Ex Lavatoio (via Concia). L’incontro è aperto a tutti, ma è rivolto in particolar modo ad amministrazioni locali, commercialisti, associazioni di categoria ed attività produttive.

Torna il teatro per famiglie a Morciano di Romagna: domenica appuntamento con La Principessa Capriccio

Tornano i domenicali del ‘Nido di formica’, la rassegna di teatro per scuole e famiglie per la direzione artistica di Alex Gabellini. Domenica 17 febbraio (ore 16.30) sul palco dell’auditorium della Fiera di Morciano di Romagna saliranno Francesca Zoccarato e Matteo Curatella con una fiaba di Enrico Bonavera: la Principessa Capriccio. La trama: c’era una volta un re che amava le piante grasse, una regina che amava ascoltare la musica a pieno volume, dei servitori che lavoravano con i tappi per le orecchie a causa della musica e i guanti per non pungersi con gli aghi delle piante grasse e c’era la principessina, tanto bella quanto capricciosa: era la campionessa mondiale, primatista straordinaria, inventrice suprema di eccezionali capricci! Per il reame non c’era più pace! Finché arrivò il nuovo istitutore, un tipo strano che non si separava mai da uno strano retino… Lo spettacolo si terrà nell’auditorium della Fiera di Morciano (via XXV Luglio, 121). Posto unico: 5 euro (dai 4 anni in su). La biglietterà aprirà alle 15.30.

Storie di fantascienza per il terzo appuntamento di Cortocircuiti Narrativi: a Morciano di Romagna arriva il collettivo Wu Ming

Terzo appuntamento per ‘Cortocircuiti Narrativi’, la rassegna letteraria promossa a Morciano di Romagna da Emiliano Visconti. Sabato 16 febbraio alle 16.30, nella sala Ex Lavatoio di via Concia, arriverà il collettivo Wu Ming, fresco di stampa con il nuovo romanzo Proletkult, il primo che, per certi versi, esce dal canone del romanzo storico per avventurarsi in quello della fantascienza. E allora il cortocircuito non poteva che essere con un libro che è stato, assieme a quelli scritti da Jules Verne, il padre di ogni romanzo fantascientifico successivo : “I primi uomini sulla luna”, romanzo di H.G. Wells, libro che a sua volta inspirò il libro di Alexandr Bogdanov su cui si imperniano le vicende raccontate dal collettivo ambientate nell’Unione Sovietica a dieci anni dalla Rivoluzione di Ottobre. Un cortocircuito da capogiro che farà così entrare il pubblico in Proletkult e farà venire voglia di rileggere alcuni dei grandi libri nati in questo universo, spesso ingiustamente classificati come romanzi di serie b.

Applausi a scena aperta per Itinerari Musicali: il bilancio della settima edizione

Applausi a scena aperta per la settima edizione di Itinerari Musicali, la rassegna concertistica che per quattro weekend consecutivi, da gennaio a febbraio, ha portato le grandi note nella sala ex Lavatoio di Morciano di Romagna. Uno straordinario successo di pubblico che conferma, ancora una volta, come la rassegna rappresenti uno degli appuntamenti di maggior prestigio nel panorama culturale dell’intera Valconca. “Ritmando” era il titolo dell’ultima edizione, che aveva come filo conduttore il mondo delle percussioni. Spiega Filippo Dionigi, direttore artistico della kermesse: “Itinerari musicali – Ritmando è stato un autentico viaggio nella musica e nel tempo, dove le varie formazioni hanno proposto una mescolanza di stili appartenenti a culture ed etnie diverse ma accomunati da unità d’intenti poetici che solo la musica può dare. Un pubblico di addetti ai lavori e di semplici appassionati ha fatto sempre registrare il tutto esaurito e ha mostrato di apprezzare un tipo di repertorio accattivante e coinvolgente, partecipando con attenzione ed entusiasmo. In apertura di rassegna i Mirò Saxophone Quartet accompagnati dalla verve del percussionista Matteo Salvatori hanno regalato una performance ricca di virtuosismi impeccabili e ritmi serrati.  Il secondo appuntamento ha visto in scena i Makramè Musikal con il loro nuovissimo progetto Balkanika Beat che ha letteralmente travolto il pubblico grazie alla sinergia di suggestive melodie e vorticosi cambi di tempo. Il terzo appuntamento ha celebrato la Giornata della Memoria ospitando la cantante Delilah Gutman accompagnata dai Ben Ardut in un concerto di forte impatto emotivo. A chiudere la rassegna, gli Alientos Trio che con le loro sonorità calde e coinvolgenti hanno saputo creare un’atmosfera esotica e sognante”.