Prevenire il tumore al pancreas – la serata del Lions Club Valle Del Conca

Si è tenuta giovedì scorso, nella sala della Banca Popolare Valconca, di fronte ad un pubblico molto numeroso ed attento, la serata sul tumore al pancreas, organizzata dal Lions Club Valle del Conca, in collaborazione con il Comune di Morciano, la associazione Oltre la Ricerca e la AUSL di Rimini.

Il presidente del Lions Club Valle del Conca, Loris Tagliabracci, ha introdotto la serata ricordando il carissimo amico e socio Piermaria Salvadori, che pochi mesi fa è deceduto proprio per questa temibile patologia.

Dopo il saluto del sindaco di Morciano, Giorgio Ciotti , sono iniziati gli interventi di Francesca Gabellini, presidente della Associazione “Oltre la Ricerca” che è un’associazione di Volontariato nata a Rimini nel 2012 il cui obiettivo prioritario è quello di sensibilizzare il mondo medico-sanitario e l’opinione pubblica sulla problematica del tumore del pancreas che è un tumore molto diffuso ( nel mondo 1000 persone al giorno si ammalano, in Italia ogni anno oltre 13000 persone )  ma poco conosciuto, difficile da diagnosticare perché in fase precoce non dà segni particolari e in tanti casi è letale ( a 5 anni la mortalità si avvicina al 99% ).

Sono poi intervenuti alcuni professionisti della AUSL della Romagna che fanno parte della rete aziendale per il trattamento della patologia bilio-pancreatica ed hanno volontariamente messo la loro grande competenza e il loro tempo a disposizione della associazione per collaborare alla sua attività di sensibilizzazione.

La dottoressa Coralba Casale Biologa Nutrizionista che ha parlato del rapporto tra nutrizione e tumore al pancreas, il dottor Luigi Veneroni, della Unità Operativa di Chirurgia Generale dell’Ospedale di Rimini, che ha affrontato l’argomento di come arrivare ad una diagnosi tempestiva, il Dott. Enrico Cavagna, direttore del dipartimento di diagnostica per Immagini dell’ Ospedale Infermi di Rimini dell’AUSL Romagna, che ha illustrato quali sono gli esami strumentali  più appropriati ed adatti alla diagnosi e perché, il dottor Mauro Giovanardi, direttore dell’U.O. di “Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva” di Rimini, responsabile del programma di prevenzione dei tumori del colon-retto dell’ambito di Rimini, che ha parlato proprio dell’importanza della rete aziendale per il trattamento della patologia bilio-pancreatica ed il dottor Gianluca Garulli, direttore della U.O. di Chirurgia Generale dell’Ospedale di Rimini.

Share this: